Strategie di visibilità su Facebook

Nell’ambito del marketing su Facebook, ci sono due scuole di pensiero: quella che predilige la pubblicità a pagamento e quella che si affida principalmente ai contenuti organici. Entrambe hanno il loro posto in una strategia complessiva, ma oggi vorrei esplorare una via di mezzo che sfrutta il meglio di entrambi i mondi.

In primo luogo, voglio ribadire quanto sia importante comprendere e adattarsi all’algoritmo di Facebook. Le cose non succedono per caso. Gli algoritmi di Facebook, come quelli di Instagram, rispondono a precisi meccanismi di distribuzione.

Questo non significa solamente pubblicare contenuti che si spera siano visualizzati nel feed degli utenti, ma impegnarsi attivamente con il proprio pubblico per aumentare l’engagement, cioè il coinvolgimento degli stessi.

Fare in modo che, quando compaiono nella bacheca di un utente, generino una reazione.

Post che invitano alla discussione o alla condivisione di esperienze personali tendono a performare meglio perché stimolano la conversazione, che è l’essenza di una piattaforma sociale.

Aumentare la visibilità organica è anche una questione di tempismo. Pubblicare quando il tuo pubblico è più attivo aumenta le possibilità che i tuoi contenuti siano visti e interagiti.

Le funzionalità di analisi di Facebook Insights possono offrire dati preziosi su quando è meglio postare, ma non dimenticare che ogni pubblico è unico. Sperimentazione e adattamento sono cruciali.

Parlando di pubblicità, la precisione nel targeting è fondamentale. Facebook offre strumenti avanzati per raggiungere persone basate su interessi, comportamenti e dati demografici specifici. Utilizzare questi strumenti in modo strategico può significare la differenza tra una campagna che risuona e una che passa inosservata.

Ma la pubblicità non dovrebbe essere l’unica freccia nel tuo arco.

Creare una comunità attorno al tuo marchio è forse ancora più importante. Questo può essere fatto tramite la creazione di gruppi, l’organizzazione di eventi live o la semplice risposta tempestiva ai commenti e ai messaggi. Mostrare che ci sono persone reali dietro il brand costruisce fiducia e lealtà.

Se sei un’azienda locale, ad esempio, devi mostrare tempestività nel rispondere alle richieste di informazioni sulla disponibilità di prodotti, servizi, orari.

E anche fare del customer care. Cioè usare la bacheca di Facebook e la propria pagina aziendale, come un vero e proprio “servizio clienti”, evitando formule banali, ripetitive, e convincendosi, invece, di trattare il cliente e quello potenziale in modo personale, gentile, cortese.

Un altro elemento è quello valoriale. La tua attività ha dei valori che si rispecchiano in te, o viceversa. La presenza su Facebook deve mostrare questi valori, e tutta la comunicazione deve essere uniformata.

Immagina di creare una narrazione, un flusso continuo, nel quale ogni cosa che racconti fa parte dello stesso filone narrativo. Non puoi sgarrare. Se poi l’attività è prettamente economica e commerciale, dovresti evitare temi caldi e divisivi come la politica e perfino lo sport. A meno che queste istanze non siano legate a progetti speciali.


Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *